di Ylenia Salinaro e Simone Bertuccio

Allo IAB Forum 2016 è intervenuto Samuel Keret, vice presidente dello sviluppo business di Waze.

È un’idea comune che tra pochi anni esisteranno auto che si guideranno da sole. Ma quando avverrà?

Samuel afferma che ciò andrà a cambiare le nostre vite e il nostro modo di consumare. Ci sono diversi livelli in cui questa tecnologia si diffonderà o si sta già diffondendo. Il livello 3 è quello in cui ci troviamo adesso, relativamente alle Metro senza conducente; il livello 4 relativo alle auto che si guideranno all’interno di luoghi circoscritti, come per esempio all’interno di un Campus universitario.

waze-logo

L’ultima frontiera, ossia il livello 5, mira a diffondere questa tecnologia per ogni destinazione. Tutto  avverrà, appunto, quando tutte le auto non avranno bisogno di intervento umano. E quando avverrà questo? Secondo Keret entro 10, 15 anni.

I bambini di oggi probabilmente non avranno bisogno di imparare a guidare.

Ma tutto avrà un’influenza positiva su altri aspetti della nostra vita. Un milione di persone, ogni anno, muoiono a causa di incidenti stradali. La tecnologia può aiutare a cambiare e a far invertire la rotta.

“Internet of things” è anche questo.

Ma qual è la missione di oggi, affinché si possa raggiungere questo obiettivo?

Quella di incrementare la comunità di guidatori già esistente grazie a Waze, attraverso un’interfaccia che aiuti, per esempio, per la condivisione di percorsi.

Infatti Waze sta sviluppando un servizio di Carpooling che permetterà agli utenti di condividere i loro spostamenti.

Ma, facendo un passo indietro, perché guidare da soli? L’obiettivo è quello di creare un AirBnB per veicoli.

E quale sarà l’impatto per questa innovazione? È multiplo. In primo luogo riguardo l’energia, poiché attraverso il Carpooling si produrrà un risparmio energetico nelle città in quanto il 50% delle innfrastrutture in qualisiasi città sono dedicate alle automobili. Un altro aspetto riguarda la mobilità in quanto ci sarà un evidente impatto per quanto riguarda le azioni e gli spostamenti quotidiani.

Ma quindi, possiamo auspicare che tra 20 anni nessuno guiderà un’auto? Secondo Keret è possibile.

Oggigiorno la tecnologia e la digitalizzazione si stanno avvicinando alle esigenze delle persone. Uber ne è un esempio. Molte persone, molte potenzialità.

Uno dei principali Trend del futuro sarà la Mobilità ma collegata alle esigenze dei cittadini.

 

Annunci