di Anna Lessa do Amaral e Niccolò Ciampolini

Durante il workshop nell’ultimo IAB Forum 2016 tenuto da AdGlow si sono trattati i temi delle piattaforme di gestione delle campagne dal lato della domande, le cosiddette DSP (Demand Site Platform)

adglow.png

Dal 2010 Adglow ha investito intensamente nella costruzione della propria Social DSP (Demand Site Platform), creando una tecnologia di nicchia, per acquistare in modo efficace l’inventario di advertising disponibile sui social media attraverso i canali video, mobile ed i motori di ricerca.

Il potente software, insieme alle certificazioni di Facebook (Marketing Partner) e Twitter (Marketing Platform Partner), colloca Adglow in una posizione strategica e di leadership per offrire sia ad inserzionisti che ad imprese le miglior tecnologia per le proprie necessità di marketing sui social media: ADAM.

ADAM non è solo una Social DSP che permette di acquistare l’inventario dei social media in RTB (real time bidding), ma è anche una tecnologia di nostro sviluppo che aiuta i professionisti di Adglow di tutto il mondo a disegnare, gestire, ottimizzare ed estrarre report e sintesi delle campagne pubblicitarie sui social media.

Nel corso dell’intervento, a cura di Maurizio Boneschi, Sales Director Adglow Italia ha trattato dei Social Media Advertising a servizio del ROI e di come ottimizzare i propri investimenti e far crescere il brand. Per far questo ha utilizzato I casi di Armani, Saldi Privati e UCI Cinemas.

Il compito di AdGlow nel caso di Armani è stato quello di aumentare l’awareness e l’engagement relative al progetto e di creare a livello internazionale una community online di utenti profilati, essenzialmente un Database CRM.

La strategia di Armani e AdGlow, chiamata WeArmaniJeans, si è basata sulla creazione di un test della personalità all’interno del sito grazie al quale l’utente riceveva una scontistica sull’acquisto di un prodotto collegato alla campagna. Il progetto è stato promosso sulle pagine Social di ArmaniJeans, aumentando così l’engagement e l’awareness, e ha raggiunto ottimi risultati, oltre 1 milione di link clicks. Questo ha permesso di collezionare una grande quantità di lead, oltre 70.000, obiettivo finale della campagna.

Secondo case study analizzata è stata quella di Saldi Privati. In questo caso il goal della campagna è stato quello di diminuire il CPMI, ovvero il costo per app installata, aumentando il numero dei download della app SaldiPrivati su smartphone iOS ed Android. Adglow ha approcciato questo caso identificando una moltitudine di target e testandoli grazie alla loro piattaforma ADAM di cui abbiamo trattato in precedenza. Tramite un sapiente uso della targetizzazione si è arrivato ad una audience Lookalike ed ad una audience custom. Tramite poi l’utilizzo continuo di test A/B si sono riusciti ad ottimizzare i formati in base a quelli maggiormente graditi dai consumatori. Aggiornando quotidianamente la campagna ed ottimizzandola in base ai target il CPMI è calato costantemente, nel giro di un mese il costo per app installata è diminuito del 50% ed il numero delle app installate cresciuto del 60%.

Da ultimo è stato presentato il caso UCI Cinema. In questo caso lo scopo è stato quello di acquisire il maggior  numero di lead al fine di incrementare l’attività di CRM e quindi le vendite. Per ottenere questi risultati si sono creati minisiti ad hoc per ogni film. In questo modo i consumatori avrebbero palesato la loro targetizzazione, implementando le informazioni a disposizione del cliente nel futuro. Anche in questo caso i risultati sono stati ottimi grazie anche alla efficace targetizzazione tramite Facebook che consente di suddividere l’enorme audience in base agli stili di vita.

 

Annunci