di Alessandro Vecchio e Giulia Benvenuti

Il 1 dicembre abbiamo avuto l’occasione di avere ospiti al Master in Comunicazione, Marketing Digitale e Pubblicità Interattiva il Dott. Ugo Panerai, giornalista ed ex Direttore della comunicazione-ufficio stampa presso Olivetti, una delle più importanti aziende al mondo nel settore dell’informatica, l’Ing. Simone Fubini, ex Direttore Generale di Olivetti e Co-founder di Ubiquity, start up attiva nel fintech e il Dott. Dario Calogero, Co-founder e attuale CEO di Ubiquity, con passate esperienze in Olivetti e Fiat.
Ugo Panerai, grazie alla sua autorevole esperienza nel settore, avendo maturato 32 anni di carriera in Olivetti, di cui 26 in comunicazione e ufficio stampa, ci racconta l’evoluzione della comunicazione dell’azienda dal suo punto di vista, descrivendocela fin da subito come una componente leggendaria nella storia di Olivetti. Un primo punto importante è rappresentato da “Design process Olivetti 1908-1983”, un volume composto da centinaia di immagini e racconti e considerato emblema dello stile Olivetti fino al 1983. Questo volume mostra come l’azienda abbia unito insieme le varie voci della comunicazione per costruire un’unica immagine, in cui tecnologia e cultura umanistica sono fortemente legate tra loro.

logo-OLIVETTI_rid_7235.jpg

Nell’esperienza di Ugo Panerai, questa visione della comunicazione si adatta in base alle forme e agli spiriti del tempo: con il cambiare dei prodotti e dei gusti dei consumatori, deve cambiare anche il modo, lo stile e il tone of voice in cui questi vengono comunicati. In particolare, Simone Fubini ci fa riflettere su questo punto, sottolineando che: “Il passato non può essere cambiato ma può fornirci stimoli per un futuro più positivo”.

foto-lamborghini.jpg
Da sinistra verso destra: Simone Fubini, Dario Calogero, Bruno Lamborghini, Ugo Panerai e Danilo Verga.

Dopo aver parlato di comunicazione esterna, Ugo Panerai si sofferma sui notevoli sviluppi di Olivetti per quando riguarda la comunicazione interna, in particolare con la pubblicazione di “Notizie di Fabbrica Olivetti”, giornale interno che divenne ben presto un bestseller richiesto anche all’estero come veicolo di promozione e informazione.

L’ultima tappa importante dell’esperienza di Panerai ha inizio nella prima metà anni ‘90, quando Olivetti entra nel campo delle telecomunicazioni con Omnitel e Infostrada: l’identità visiva dell’azienda si diversifica, associandosi a quella della telefonia mobile, che porterà alla nascita di nuovi progetti di comunicazione tramite i mezzi televisivi.

Ugo Panerai conclude il suo intervento affermando che la comunicazione Olivetti non serve solo a veicolare informazioni o direttive, ma costituisce un’attitudine trasversale: l’impresa Olivetti è un “sistema olistico di comunicazione”, anche detto “macchina comunicazionale”.

Continuando con il secondo intervento della giornata, il Dott. Dario Calogero, CEO di Ubiquity, e l’Ing. Simone Fubini, proseguono parlandoci della situazione del mercato attuale della comunicazione digitale in Italia ed introducendoci la case history di successo di Ubiquity.

Ubiquity-logo-Group.png

Riguardo ai futuri cambiamenti del mercato, Dario Calogero ci ha fatto riflettere su quanto sia vincente per i prossimi anni l’investimento sul mobile, che si consoliderà come device dominante in termini di utilizzo e su come le nuove generazioni si distribuiranno sui social: è da segnalare la migrazione sempre più marcata delle nuove generazioni da Facebook, considerato ormai un social di tipo tradizionale verso Instagram.

Questa digital trasformation ha ovviamente investito anche il settore bancario alle prese con le difficoltà nell’attirare i giovani consumatori nelle loro filiali: una delle principali sfide sarà quindi escogitare nuovi metodi digital-friendly per non perdere questa fetta di utenti.

In questo contesto di cambiamento si è inserita, fin dal 1999, Ubiquity, società specializzata in servizi professionali da mobile indirizzati principalmente ai grandi gruppi bancari. Oggi Ubiquity impiega 200 persone circa e si è affermata come leader del settore gestendo 1 miliardo di notifiche SMS all’anno, pari al 95% della quota di mercato totale.

Data l’effervescenza del settore digitale, Ubiquity ha registrato una rapida crescita in termini di fatturato negli ultimi anni, passando da 30 milioni di euro nel 2016 ad una previsione di 65 milioni nel 2017. Questo risultato è stato raggiunto grazie ad un accorto piano di acquisizioni che ha portato l’azienda ad assorbire il 100% della start up Indiana ‘Solution Infini’ a fine Ottobre 2017, garantendosi l’accesso ad una fetta di mercato del valore di 24 miliardi di notifiche annue.

Infine, il messaggio di cui il CEO Calogero e Simone Fubini si sono fatti portavoce è quello di essere sensibili e aggiornati sui cambiamenti tecnologici repentini che stanno permeando ogni settore dell’economia mondiale. In particolare Dario Calogero ci ha citato l’emblematico caso dell’India, che ha il privilegio di osservare da vicino: “è un continente composto da oltre 1 miliardo di persone con un’età media molto giovane, intorno ai 29 anni, che sta formando un esercito di 500 milioni di studenti, molto preparati nell’ambito scientifico ed informatico, che rappresenteranno dei potenziali concorrenti in un’economia che tende ad essere sempre più globale”.

Ringraziamo Dario Calogero e Simone Fubini, per la testimonianza di come si gestisce un’impresa di successo e Ugo Panerai per averci trasmesso la sua esperienza, attraverso cui abbiamo conosciuto la comunicazione di una delle aziende simbolo dello stile italiano, La Olivetti.

A cura di

Alessandro Vecchio

Giulia Benvenuti

 

Annunci