di Giulia Corbella e Agnese Fumagalli

Il 29 ed il 30 Novembre presso MiCo si è svolto lo IAB Forum 2017, il più importante evento italiano per quanto riguarda il comparto digitale.
L’azienda BMW è intervenuta sul palco di IAB grazie ad Alex Zanardi e Salvatore Nanni, direttore marketing di BMW Italia, parlando del rapporto tra tecnologia e uomo.

BMW ha avviato un percorso per diventare una tech-company, spiega Nanni, dimostrando di essere un’azienda abituata al cambiamento in uno scenario in continua evoluzione come quello attuale. In vista di un futuro in cui guida autonoma, connettività, servizi di sharing e trazione elettrica ridefiniranno la mobilità, BMW si propone nel mercato come un’azienda in grado di erogare prodotti e servizi di mobilità individuale che siano sostenibili.
In conclusione Nanni aggiunge che la rivoluzione tecnologica è in continua evoluzione e i prodotti BMW con essa, ma nonostante le tecnologie diventino sempre più all’avanguardia l’azienda mantiene centrale l’azione dell’uomo. È proprio questo il motivo che giustifica la scelta di Zanardi come Brand Ambassador ed il perché del suo invito a partecipare all’evento.

iab-zanardi-nanni.jpg
Salvatore Nanni, direttore marketing di BMW Italia, e Alex Zanardi (Da Brand-news.it)

 

Dopo l’intervento di Nanni, Alex Zanardi fa infatti il suo ingresso in scena, accompagnato da un caloroso applauso. Dà inizio al discorso mostrandoci un suo recente tweet “Viaggiamo circondati da guidatori con gli occhi sul telefono! Scusate, non sono un santo ma vorrei fare la mia parte nel passare parola…” dove invita a non usare lo smartphone alla guida, ricordandoci quale può essere il prezzo da pagare. Il suo impegno sociale nei confronti di questo ambito è stato ispiratore di un nuovo progetto di comunicazione BMW sulla sicurezza al volante.
Durante l’intervento Zanardi invita inoltre i giovani a farsi aiutare dalla tecnologia nella vita quotidiana, mantenendo però un atteggiamento curioso, che permette di avere uno sguardo ed una mentalità aperta, prerogativa dell’uomo e non della tecnologia. Solo in questo modo sarà possibile arrivare a creare una tecnologia funzionale che sia davvero al servizio dell’uomo.

 

 

 

 

Annunci